ESCLUSIVA TE - Benedetti: "Adesso pensiamo a raggiungere i 50 punti, attenzione al Brescia"

27.10.2016 18:35 di Andrea Piras Twitter:   articolo letto 127 volte
© foto di Daniele Liggi/TuttoCagliari.net
ESCLUSIVA TE - Benedetti: "Adesso pensiamo a raggiungere i 50 punti, attenzione al Brescia"

Primo successo lontano dal Comunale pe i Diavoli Neri. La truppa di Roberto Breda si è imposta 1-0 sul Cesena al "Manuzzi" e si è assestata al secondo posto in classifica al pari di Carpi e Cittadella. Per commentare il momento dei chiavaresi, TuttoEntella.com ha avuto il piacere di contattare in esclusiva il difensore Simone Benedetti:

Benedetti, martedì è arrivata la prima vittoria in trasferta.
"E' stata una bella gara. Diciamo che loro avevano bisogno di vincere e noi, secondo me, potevamo essere la vittima sacrificale ma non è stato così. E' stato un passo avanti per noi e per la squadra perchè vincere in un campo così non è facile. E' sempre difficile imporsi in campi del genere. Ora è difficile confermarsi nel senso che dobbiamo cercar di dare continuità ai risultati e proseguire".

Al centro della difesa il mister vi sta facendo ruotare molto. In questo campionato c'è davvero il bisogno di tutti.
"Certo. Se vuoi mantenere la posizione in classifica, devi quanto meno avere una rosa competitiva in ogni reparto, sennò non puoi mantenere questi standard".

Cinque risultati utili consecutivi e una classifica meravigliosa. Dove può arrivare questa Entella?
"Per adesso ai 50 punti, poi vediamo. Quello che viene di meglio lo prendiamo e ce lo teniamo per noi. Sarebbe bello fare un punto in più dell'anno scorso, che vorrebbe dire playoff. Ora però vediamo di mantenere la categoria e poi penseremo ad altro".

Qual'è il segreto del successo?
"Un gruppo unito e che da un anno gioca assieme. Quando ti conosci già è più facile capire dove il compagno può aiutarti o no. Il fatto di essere da un anno in più insieme rispetto a squadre che hanno cambiato sette, otto effettivi è più importante".

Adesso c'è il Brescia. Che gara si aspetta?
"Hanno pareggiato a Verone e vinto a Cittadella. Sono una squadra, diciamo, strana. Ha fatto partite buone e partite meno buone. Dobbiamo stare però attenti perchè sono una squadra giovane e ricca di entusiasmo".

E i giovani dell'Entella come li vede?
"Li vedo bene perchè ci sono giovani interessanti che avranno modo e tempo di poter dimostrare il loro valore. Sono tutti giocatori che stanno con noi e cresceranno".

Com'è mister Breda e che differenza c'è rispetto ad Aglietti?
"Sono due caratteri diversi. Aglietti forse è più impulsivo e l'urlo, diciamo, scappa un po' di più. Breda è più tranquillo anche se anche lui, come Aglietti, dà molti consigli".

E lei come si trova a Chiavari?
"Mi trovo bene. E' una città piccolina che ha tutto per me. Il centro è molto carino e si sta bene. E' un ambiente tranquillo e ideale per fare calcio".

RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE DELL'ARTICOLO CONSENTITA PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE WWW.TUTTOENTELLA.COM