ESCLUSIVA TE - Coppolaro: "Gruppo affiatato, a Ascoli per fare punti"

24.10.2019 13:38 di Andrea Piras Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico Gaetano
ESCLUSIVA TE - Coppolaro: "Gruppo affiatato, a Ascoli per fare punti"

22 anni ma quarta esperienza in Serie B. Mauro Coppolaro è stato uno degli innesti dei Diavoli Neri nel mercato estivo, rinforzo per mister Roberto Boscaglia in questo torneo cadetto: "Mi sto trovando molto bene - ha detto il difensore biancoceleste in esclusiva ai nostri taccuini -. Mi sono inserito molto bene all'interno di un gruppo affiatato. In campionato siamo partiti bene ma dobbiamo sempre migliorare per fare sempre meglio".

Dopo un’ottima partenza sono arrivati alcuni stop. Cosa è mancato secondo te?
"Sicuramente i gol ma in generale bisogna dire che non sono state partite brutte. Abbiamo avuto occasioni da gol ma purtroppo abbiamo finanziato poco".

La classifica comunque resta ottima. La guardate o non ci pensate?
"Non ci pensiamo più di tanto. Noi pensiamo a fare bene in ogni gara e migliorarci sempre più".

Ora domani c'è l’Ascoli. Che gara sarà?
"Anche loro vengono da un periodo un po' così, troveremo poi un ambiente caldo e loro sicuramente partiranno forte. Noi, dal canto nostro, siamo pronti perchè vogliamo portare via punti dal Del Duca".

Hai già avuto Boscaglia a Brescia nel 2017-2018. Che allenatore è?
"Con il mister mi sono sempre trovato bene, mi dà molta carica e poi sa mettere in campo la squadra e ti prepara alla partita al meglio".

Siete una rosa ampia in tutti i reparti. Quanto è importante la sana competizione?
"E' molto importante. Cerchi di dare sempre il massimo negli allenamenti e io cerco di dare una mano quando possibile. Sono a disposizione della squadra e del mister".

Siete tanti giovani in gruppo ma con un buon numero di giocatori esperti. Chi ti dà più consigli?
"Quasi tutti. Noi ci aiutiamo sempre. Dal primo all’ultimo ci diamo mano".

Sei giovane ma hai tanta esperienza in B. Che differenza c'è fra i campionati che hai già giocato e questo?
"Ogni anno va sempre ad alzarsi il livello in Serie B. E' un campionato difficile, fra alti e bassi. Anche se hai avuto periodi difficili, come in questo momento per esempio, la classifica resta corta. Bisogna dare il massimo in ogni partita".

Come è stato l’impatto con la città di Chiavari?
"E' una città tranquilla, sul mare e ti lascia lavorare bene. Si può fare tanto".