ESCLUSIVA TE - De Luca: "Voglio ripagare la fiducia della società con i gol, il gruppo è spettacolare"

 di Andrea Piras Twitter:   articolo letto 109 volte
© foto di Federico Gaetano
ESCLUSIVA TE - De Luca: "Voglio ripagare la fiducia della società con i gol, il gruppo è spettacolare"

Brevilineo, imprevedibile e con il senso del gol. E’ Giuseppe De Luca. Arrivato a Chiavari nel mercato estivo la “Zanzara” ha già dato il proprio contributo in fase realizzativa pareggiando i conti, purtroppo solo momentaneamente, nel derby contro lo Spezia. Per parlare del momento della squadra, TuttoEntella.com ha avuto il piacere di contattare in esclusiva l’attaccante biancoceleste.

De Luca, sabato è arrivata la prima vittoria in trasferta. L’Entella sta finalmente trovando la giusta quadratura.
“Siamo una bella squadra e ci stanno arrivando delle giocate che all’inizio magari riuscivano meno. Stiamo trovando la quadratura e il lavoro che abbiamo fatto in ritiro e a Chiavari si sta vedendo partita dopo partita. Il successo esterno contro una squadra che ogni anno lotta per i playoff è bello ma non dobbiamo fermarci, deve essere un punto di partenza per il nostro campionato”.

Il gruppo è molto affiatato.
“Il livello del gruppo posso solo dire che è spettacolare. Siamo tutti uniti fra di noi. Chi gioca, chi non gioca ma anche i magazzinieri e i fisioterapisti. Siamo un bel gruppo sotto tutti i punti di vista e ognuno in campo dà il 100% e si sta vedendo. Ripeto, deve essere solo un punto di partenza per poi raggiungere obiettivi importanti. Noi però manteniamo il profilo basso, non vogliamo esaltarci troppo. Siamo una squadra che vive gara per gare e quando avremo raggiunto la soglia salvezza vedremo”.

Adesso col Brescia per dare continuità di risultati e tornare al successo in casa.
“Il Brescia è un’ottima squadra, arrivano da una vittoria col Perugia e dal pareggio di Terni. Noi però davanti al nostro pubblico vogliamo portare a casa i tre punti e daremo tutti il massimo. Vedremo cosa ne uscirà ma se giochiamo come abbiamo fatto nelle ultime uscite possiamo portare a casa la vittoria”.

De Luca, La Mantia, Luppi, Diaw e Mota Carvalho. Quanta concorrenza in attacco.
“A prescindere dal fatto che siamo ottimi attaccanti siamo anche uniti fra di noi. Non c’è invidia se uno gioca al posto di un altro. Ci aiutiamo molto magari quando il gol non arriva. Siamo giocatori con caratteristiche diverse e poche squadre hanno attaccanti con tutti questi tipi differenti di caratteristiche: Per me è un piacere giocare con loro e penso che alla lunga ne usciremo facendo qualche gol in più. Potremo fare un bel campionato con i nostri gol ma anche quelli dei centrocampisti e dei difensori, sempre pericolosi sulle palle inattive”.

C’è un obiettivo minimo di reti che si è prefissato?
“Io vivo partita per partita e allenamento dopo allenamento. Vivo per migliorarmi. Parto però dal presupposto che un attaccante vuole arrivare in doppia cifra ma questo obiettivo si raggiunge facendo grandi prestazioni e gare magari anche di sacrificio”.

Le manca la Serie A?
“Penso che sia sempre il sogno di ogni giocatore. Ho giocato due anni in A poi mi sono voluto rimettere in gioco a Bari dove purtroppo non è andata benissimo. Ora sono un giocatore dell’Entella a tutti gli effetti, voglio pensare a questa società che ha creduto tanto in me e voglio ripagarla con i gol”.

Quali sono i margini di miglioramento dell’Entella?
“Abbiamo tanti margini di miglioramento, ma siamo una squadra che, sinceramente, non so dove può arrivare. Possiamo vincere contro tutti ma anche perdere contro tutti. Se non siamo tutti concentrati facciamo fatica. Siamo una squadra particolare sotto quel punto di vista. Non abbiamo paura di nessun avversario ma se caliamo la concentrazione e non siamo sicuri di quello che facciamo, rischiamo di fare brutte figure come è accaduto alla prima giornata. Però abbiamo capito la lezione”.

Come si trova a Chiavari?
“Bene, anche se son stato bene anche a Bergamo e a Bari. Qui si sta bene, non ci sono troppe pressioni. Non che non ce ne siano in società perché tutti sentiamo la partita, però a livello di città, ripeto, si sta bene”.

RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE DELL'ARTICOLO CONSENTITA PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE WWW.TUTTOENTELLA.COM