ESCLUSIVA TE - Gerli: "A Santarcangelo un'esperienza importante. Obbiettivo salvezza"

19.07.2016 20:30 di Andrea Diamante  articolo letto 400 volte
ESCLUSIVA TE - Gerli: "A Santarcangelo un'esperienza importante. Obbiettivo salvezza"

Primi giorni di ritiro presso Brentonico per i biancocelesti che hanno praticamente confermato in blocco la rosa della scorsa annata. Tra i giocatori che già facevano parte del club e rientrati dopo la gavetta e l'esperienza in prestito, c'è Fabio Gerli. Il centrocampista, sempre ben visto agli allenatori e dalla società, potrebbe diventare un protagonista della stagione nel delicato ruolo di regista, come ammesso da mister BredaTuttoEntella.com ha avuto il piacere di contattarlo in esclusiva per fare il punto della situazione.

Sei appena rientarto dal Santarcangelo, come giudichi questa esperienza? "Sicuramente è stata un'esperienza formativa che mi è servita per migliorare un po' di cose, ma sono comunque consapevole che ci sono tante cose che devo perfezionare. E' stata un'esperienza importante".

Il progetto dell'Entella mette al centro i giovani e te ne sei un esempio. "L'Entella è una società che cerca di dar spazio ai giovani e valorizzarli. Poi questo non vuol dire che noi saremo favoriti ma dobbiamo comunque dare il meglio di noi stessi per guadagnarci una possibilità di giocare e ritagliarci il nostro spazio".

Le tue prime impressione su mister Breda e questi primi giorni di lavoro. "In questo momento sta andando abbastanza bene, è passata solamente una settimana. La maggior parte dei compagni già li conoscevo e ci ho condiviso i primi mesi dell'anno scorso. Poi sotto l'aspetto della squadra mi sto trovando bene, dopo vedremo alla lunga diciamo".

Qual è l'obbiettivo della squadra ed anche uno tuo personale? "Sicuramente quello di squadra è guadagnarsi la salvezza, di fare quei cinquanta punti che tutti gli anni l'Entella vuole cercare di raggiungere. Invece l'obbiettivo personale è cercare di migliorare ancora e guadagnare più spazio possibile".

Un messaggio per il tuo compagno Manuel Di Paola, recentemente infortunatosi. "Prima di tutto è un mio amico, quindi sono dispiaciuto che abbia avuto questo infortunio perché anche lui viene dalla Primavera. Il ritiro gli sarebbe servito per prendere dimestichezza e migliorarsi. Gli auguro di tornare al più presto".

Nei tuoi anni a Chiavari hai vissuto lo sviluppo ed il maggiore appoggio della tifoseria. "Sicuramente sta avendo una crescita in linea con quella della società, anche loro pian piano si stanno organizzando sempre in modo migliore ed anche in linea con i risultati che sta ottenendo la squadra che comunque le sta dando entusiasmo".

RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE DELL'ARTICOLO CONSENTITA PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE WWW.TUTTOENTELLA.COM