ESCLUSIVA TE - La Mantia: "Ad Avellino pareggio su un campo difficile, col Venezia per i tre punti"

 di Andrea Piras Twitter:   articolo letto 122 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
ESCLUSIVA TE - La Mantia: "Ad Avellino pareggio su un campo difficile, col Venezia per i tre punti"

Un punto che fa morale. E' quello conquistato dai Diavoli Neri ad Avellino alla prima del nuovo corso di Alfredo Aglietti sulla panchina chiavarese. Per fare un punto della situazione in casa biancoceleste, TuttoEntella.com ha avuto il piacere di contattare in esclusiva l’attaccante Andrea La Mantia:

La Mantia, ad Avellino un punto che serve a fare morale e muove la classifica.
“Un punto che fa morale su un campo difficile come Avellino, dove non è facile giocarci. Siamo riusciti a portare a casa un punto dal ‘Partenio’, risultato non facile da raggiungere”.

Adesso però col Venezia servono i tre punti?
“E’ fondamentale andare in campo e giocare per vincere. Giochiamo in casa nostra e dobbiamo cercare i tre punti perché, se dovessero arrivare, ci potrebbero dare la spinta per riprenderci”.

Che avversario si aspetta?
“E’ una squadra forte, quadrata, che si difende bene e che riparte con cattiveria. Sicuramente non sarà facile però siamo chiamati a prendere i tre punti davanti al nostro pubblico”.

Come è stato l'impatto con mister Aglietti e cos’è cambiato rispetto a mister Castorina?
“Sono due bravissimi allenatori. Ovviamente quando c’è un cambio in panchina è una sconfitta per tutti. Sappiamo che dobbiamo metterci con la testa giusta e fare quello che ci dice il mister. Ci può dare tanto e sappiamo che dobbiamo dare tutto per dare soddisfazione alla società e a tifosi”.

Come si può uscire da questo momento?
“Solo con il lavoro e l’umiltà di sapere che dobbiamo riprenderci andando a lottare su ogni pallone come se fosse l’ultimo. Ma sapendo anche che non ci sono partite facili”.

La classifica di B è comunque corta. Basta poco per rialzarsi.
“E’ un campionato molto equilibrato e livellato. Sappiamo che la classifica è corta e non bisogna guardare la posizione attuale. Bisogna solo pensare a far bene noi, a muovere la classifica e poi arrivare dove meritiamo”.

Come è stato il suo inserimento nel gruppo?
“Il gruppo mi ha accolto bene. Non è stato facile il primo mese forse per via di un modulo nuovo e di una nuova realtà. Venivo da Vercelli, piazza che mi ha dato tanto, e quindi non è facile inserirsi i un ambiente nuovo. Passato il primo mese poi mi sono ambientato, ho iniziato a prendermi le mie prime soddisfazioni e speriamo di prenderne altrettante”.

RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE DELL'ARTICOLO CONSENTITA PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE WWW.TUTTOENTELLA.COM