ESCLUSIVA TE - Volpe: "La fascia è in buone mani. Non bisogna farsi aspettative ma solo lavorare"

19.08.2016 11:00 di Andrea Diamante  articolo letto 181 volte
ESCLUSIVA TE - Volpe: "La fascia è in buone mani. Non bisogna farsi aspettative ma solo lavorare"

Per la prima volta dopo quattro anni di permanenza a Chiavari, l'ex capitano Gennaro Volpe non ha partecipato alla presentazione alla piazza nelle veci di calciatori ma di dirigente. Per esprimere le sue sensazioni e impressioni sui suoi ex compagni TuttoEntella.com ha avuto il piacere di contattarlo in esclusiva sempre a margine della festa: "Le sensazioni sono strane perchè ero abituato a salire sul palco da capitano, però il tempo è passato e devo solo ringraziare la società per quello che mi ha dato in questi anni e per questa possibilità di iniziare un nuovo percorso, quindi va bene così".

La fascia e quindi il testimone lo passi a Michele Troiano. "Con Michele abbiamo condiviso tre anni insieme, siamo stati in ritiro nella stessa camera, penso che sia la persona più adatta per prendere questa eredità. Sicuramente la fascia è in buone mani. Mi auguro ,anzi, credo che ci siano i presupposti per fare quello che è stato fatto l'anno scorso però tutto questo passa dal lavoro, dalla dedizione e dallavoglia che la squadra deve dimostrare".

Come procede invece il tuo nuovo ruolo di responsabile dell'Academy? "Il passaggio da calciatore a responsabile dell'Academy non è stato semplice, cambi completamente tutto. Adesso dopo un mese di assestamento credo di essere entrato bene nella parte, mi sto impegnando al massimo affinchè possa ripagare la fiducia che mi è stata data".

Da esterno sicuramente però non perdi l'occhio sulla squadra. "Io non perdo di vista niente perchè l'amore e la passione che ho per il calcio è a 360° quindi cercherò di non perdermi assolutamente niente perchè, chi ama il calcio come lo amo io, vive di quello e non perderò niente dalla prima all'ultima squadra".

Quali aspettative hai per l'appunto sulla Prima Squadra? "Non bisogna farsi aspettative ma solo lavorare. Il fatto di avere la stessa squadra dell'anno scorso può facilitare in un certo modo la coesione che già persiste nel gruppo, però nel calcio non bisogna dare niente di scontato. E' arrivato un allenatore nuovo, competente, e quindi credo che si possa proseguire sulla scia dell'anno scorso però tutto questo passa dal lavoro quotidiano".

RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE DELL'ARTICOLO CONSENTITA PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE WWW.TUTTOENTELLA.COM