Riecco l'Entella, ma non sottovalutare l'Ascoli

Giornalista Pubblicista, collabora con Tuttomercatoweb.com e TMW Radio. Direttore di TuttoEntella.com, fondato il 7 giugno 2014
 di Andrea Piras Twitter:   articolo letto 73 volte
Riecco l'Entella, ma non sottovalutare l'Ascoli

Nove giornate. Due mesi. Tanto è passato dopo l'ultimo successo casalingo dell'Entella che domenica scorsa ha piegato il Bari, capolista del torneo cadetto. Una vittoria rotonda, la prima del nuovo corso di Alfredo Aglietti, frutto di una gara dominata dove, escluso nei primi quindici minuti della seconda frazione di gara, i Diavoli Neri non hanno mai realmente subito l'avversario.

Un primo tempo impeccabile con il tridente offensivo che ha messo in difficoltà più di una volta la retroguardia pugliese e una difesa precisa che non ha commesso alcuna sbavatura. Unica neo l'infortunio a Luppi, ci auguriamo possa essere nulla di serio, ma al suo posto Diaw ha messo in luce ancora una volta tutti i miglioramenti fatti quest'anno.

Una boccata di ossigeno, una luce in fondo al tunnel che inizia ad intravvedersi. Ma la vittoria importante di domenica deve essere seguita da un'altra prestazione convincente, e ultimamente tutte sono state così, contro l'Ascoli, ex squadra del mister di San Giovanni Valdarno. Non sottovalutare un avversario che ricopre l'ultimo posto in classifica. Ma lottare come sempre e giocare, come ha detto Troiano nel post Bari, da Entella.