Pasqual: "E' stata una settimana difficile. Vittoria e primo posto dedicate a Davide"

11.03.2018 23:21 di Redazione TuttoEntella Twitter:   articolo letto 80 volte
© foto di Federico Gaetano
Pasqual: "E' stata una settimana difficile. Vittoria e primo posto dedicate a Davide"

Per Manuel Pasqual non era una gara come le altre dopo la prematura scomparsa di Davide Astori, suo amico ed ex compagno nella Fiorentina. Queste le parole del difensore dell'Empoli dopo il successo ai danni dell'Entella, riportate da Pianetaempoli.it:

"E' stata sicuramente una settimana difficile. Ero coinvolto in prima persona e tornare al campo, lavorare e mettersi a testa bassa non era facile. Abbiamo sofferto come tutti e ci dispiace perchè, aldilà del giocatore, abbiamo perso una grandissima persona e penso che tutte le persone che hanno voluto dare un ultimo saluto a Davide si sono viste. Il fatto della nostra amicizia è un qualcosa in più perchè c'eravamo visti il venerdì sera ed il sabato mattina, prendere quella notizia uscendo dal campo è stata una pugnalata. Ovviamente ci dispiace per i familiari però penso che tutti debbano vedere tutte le persone che si sono mosse per lui, a dimostrazione che era una grande persona, un grande uomo. Il movimento calcistico ed in questo caso Firenze hanno perso una grande persona. Siamo davvero dispiaciuti. Vogliamo dedicare questa vittoria ed il ritorno al primo posto perchè la volontà sua penso sia quella di ripartire. Era un ragazzo sempre col sorriso e voleva sempre guardare avanti quindi, giustamente settimana scorsa non si è scesi in campo anche perchè non ce l'avremmo fatta, ora è giusto ripartire.

Sulla partita soprattutto il primo tempo non era facile. Una squadra che vuole essere vincente e raggiungere certi obbiettivi non trova alibi, va in campo e fa il massimo. A livello di gioco non poteva esserci lo stesso Empoli che abbiamo visto in tutte queste partite però si è calato nella parte dove c'era da lottare. Nel secondo tempo quando il campo l'ha permesso siamo tornati a vedere la tipologia di gioco a cui siamo abituati. Peccato per il gol ma è anche normale. Bisogna fare i complimenti ai ragazzi".