Prima amara per l'Entella: Sudtirol corsaro (1-2) e biancocelesti eliminati

11.08.2019 22:30 di Redazione TuttoEntella Twitter:    Vedi letture
Prima amara per l'Entella: Sudtirol corsaro (1-2) e biancocelesti eliminati

Debutto amaro per l’Entella. I Diavoli Neri steccano la prima stagionale ed è il Sudtirol a fare festa al termine dei novanta minuti. La squadra di Roberto Boscaglia perde 2-1 contro il team di Stefano Vecchi e viene eliminata dalla Coppa Italia.

Giuseppe De Luca nel tandem offensivo - Mister Boscaglia lo aveva detto alla vigilia: squadra decisa al 90%. In porta c’è Contini mentre le novità maggiori riguardano in difesa dove, oltre alla coppia di ferro centrale Chiosa-Pellizzer, ci sono a destra Sernicola e a sinistra Sala. A centrocampo confermato il trio della passata stagione con Eramo e Nizzetto mezzali e Paolucci in cabina di regia. In attacco c’è Giuseppe De Luca insieme a Mancosu con Currarino sulla trequarti.

Botta e risposta - Dopo otto minuti sono gli ospiti a portarsi in vantaggio. Fabbri fa partire un traversone verso la testa di Casiraghi, abile con un’incornata a superare Contini. L’Entella accusa il colpo e due minuti più tardi è Turchetta a scaldare i guantoni a Contini con una conclusione. Al 22’ Eramo approfitta di un rimpallo per calciare di prima intenzione spedendo sopra la traversa. E’ il preludio al pareggio biancoceleste con Paolucci che calcia dalla distanza incastonando il pallone all’incrocio dei pali.

Decide Morosini - La ripresa si apre con una conclusione di Nizzetto in seguito ad un’azione manovrata dei ragazzi di Boscaglia ma Cucchietti è attento e respinge in tuffo. Al 21’ ancora Entella a rendersi pericolosa con Sala che trova un bel diagonale ma ancora una volta il portiere alto atesino devia in corner. 120 secondi più tardi ci prova il Sudtirol con Morosini ma il pallone sorvola la traversa. A sette dalla fine sono però gli ospiti a trovare il gol che vale il passaggio del turno con Morosini che trasforma un gran calcio di punizione. L’Entella però ci ha provato fino alla fine e nel recupero un batti a ribatti sulla linea di porta consegna il pallone nei pressi di Sernicola che non riesce a spingere in rete.