Una serata storica

06.12.2018 08:50 di Andrea Piras Twitter:   articolo letto 178 volte
© foto di Pietro Mazzara
Una serata storica

47 anni dopo è di nuovo Genoa-Entella. E’ trascorso tanto tempo dal quel lontano 1971 quando i Diavoli Neri capitanati da Ermes Nadalin calcarono il campo, allora a “schiena d’asino” del “Ferraris” di Genova. In quell’occasione i chiavaresi furono piegati da una rete nel finale di Turone. Adesso è un’altra storia, un altro calcio. I biancocelesti arrivano a questa partita con tante fatiche sulle gambe, dovuta alle tante gare da recuperare ma ci tengono, come tutte, a ben figurare al cospetto di una squadra di due categorie superiori. Del resto i ragazzi di Boscaglia questa soddisfazione se la sono conquistata eliminando a Chiavari prima il Siena e poi la Salernitana. Ora è una serata tutta da godere.

TANTI CAMBI PER BOSCAGLIA - L’impegno di campionato contro l’Albissola e il recupero contro la Pro Patria, oltre alle innumerevoli gare da recuperare, influiranno nelle scelte di mister Boscaglia che dovrebbe far rifiatare molti titolari. Dentro in porta la bandiera Andrea Paroni con Belli, ma attenzione alle quotazioni di Cleur, a destra, Crialese a sinistra e Benedetti al fianco di Baroni. A centrocampo possibile l’impiego di Di Paola con Nizzetto e Icardi ai lati. In attacco possibile chance per Petrovic con al fianco Martinho Adorjan trequartista.

Entella (4-3-1-2): Paroni; Belli, Baroni, Benedetti, Crialese; Icardi, Di Paola, Nizzetto; Adorjan; Martinho, Petrovic. Allenatore: Roberto Boscaglia.